Con l’introduzione della fattura elettronica l'invio della fattura tra cliente-fornitore non è diretta, ma avviene per il tramite del Sistema di Interscambio, il quale avrà cura di comunicare attraverso delle ricevute il buon esito o meno del processo di invio delle e-fatture. 

È importante ricordare che i tempi di consegna delle e-fatture ai destinatari e delle notifiche ai mittenti in linea generale non dovrebbero superare i 5 giorni.

Vediamo ora come comprendere le ricevute generate i dallo SDI e cosa fare nei vari casi.

Per leggere le notifiche dello SDI entra nella sezione documenti, clicca sul pulsante Azioni e scegli la voce Dettagli; clicca quindi su Scarica notifica da SDI


clicca sull'immagine per ingrandirla

Che cosa è una Notifica di Scarto o NS?

Il file trasmesso contiene degli errori bloccanti e pertanto lo SdI a seguito dei suoi controlli scarta la e-fattura. In tal caso, la fattura non si può considerare emessa (non esiste fiscalmente) ed è necessario correggerla entro 5 giorni.

È importante ricordare che le notifiche dallo SDI saranno inviate entro un massimo di 5 giorni.

Per capire come fare leggi l’articolo.

Che cosa è una Ricevuta di Consegna o RC?

Il documento inviato ha superato i controlli da parte del sistema di interscambio ed è stata accettata. Questo significa che il documento può considerarsi emesso in quanto consegnato al destinatario.

Che cosa significa Manca Consegna al destinatario o MC?

La e-fattura emessa è sintatticamente corretta in quanto ha superato i controlli, ma il sistema di interscambio non è riuscito a individuare un canale di ricezione del destinatario (es. il canale di ricezione del cessionario/committente è non funzionante o l’indirizzo pec è pieno o il codice destinatario è di sette zeri e il cessionario/committente non ha registrato alcun indirizzo telematico prevalente).

In tal caso la ricevuta MC è sufficiente per provare l’emissione della fattura che sarà messa a disposizione del cessionario/committente nell'apposita area riservata sul sito web dell’Agenzia delle entrate. 

In questo caso il cedente/prestatore (il fornitore) deve informare di ciò il cessionario/committente, anche tramite la consegna di una copia (es. cartacea o pdf) attraverso altri mezzi al fuori dello SdI. 


Mettiti a tuo Agyo®!