La Legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) ha introdotto importanti novità in materia di fatturazione elettronica: A far data dal 1° Gennaio 2019 è stato infatti disposto l’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica, sinora valevole per i soli rapporti con la PA, anche alle operazioni tra privati residenti, stabiliti o identificati nel territorio Italiano. Sono quindi esonerati i soggetti non stabili sul territorio nazionale i quali dovranno inviare telematicamente i dati all’Agenzia delle Entrate entro l'ultimo giorno del mese successivo alla data del documento.

A ben vedere però la manovra varata dal precedente Governo prevede che il suddetto obbligo abbia validità “graduale”: difatti, con riferimento alle cessioni di carburanti per autotrazione, ad eccezione da quelle rese da rete stradale di distribuzione,   e per le prestazioni rese da subappaltatori e subcontraenti nell’ambito di un appalto pubblico, la fatturazione elettronica dovrà considerarsi obbligatoria già dal 1°Luglio 2018.

L’anticipazione non riguarda invece i carburanti destinati ai motori di gruppi elettrogeni, impianti di riscaldamento, utensili da giardinaggio e attrezzi vari.

Contrariamente a quanto attualmente previsto nelle cc.dd “schede carburante, non sarà necessario riportare sul documento elettronico la targa o qualunque altro estremo identificativo del veicolo al quale sono destinati i carburanti oggetto di fattura. Tali informazioni, facoltative, potranno comunque riportarsi sul file xml allo scopo di supportare la tranciabilità della spesa o per fini connessi alla relativa deducibilità, alla voce <2.1.9.2>“Mezzo di trasporto” sito nella sezione Dati Trasporto.

Al contrario, è espressamente previsto che il documento riporti l’indicazione dell’articolo , come integrazione delle righe descrittive del documento; dovrà quindi riportarsi sul file la dicitura “CARB” nella voce <2.2.1.3.1> “Codice Tipo” accompagnato da uno dei valori indicativi della tipologia di carburante come da tabella di riferimento per i prodotti energetici (TA13) pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Dogane e riportata in calce, alla voce <2.2.1.3.2>”Codice Valore”



Doveroso precisare che dovrà essere elettronica altresì la fattura cumulativa di più operazioni anche se non tutte soggette all’obbligo di emissione on-line: pertanto, nel caso in cui un soggetto passivo IVA effettui rifornimento carburante per il proprio veicolo aziendale e contestualmente faccia eseguire dallo stesso impianto stradale un intervento di riparazione/sostituzione parti meccaniche, lavaggio o acquisti beni/servizi anche se non strettamente connessi al veicolo, la fattura che documenta tali operazioni dovrà essere obbligatoriamente elettronica. 

Mettiti a tuo Agyo®!